aldo – Cavalli.it https://www.cavalli.it Mon, 11 Nov 2019 23:56:51 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.5.7 Cavallo del Ventasso https://www.cavalli.it/sport/trekking/cavallo-del-ventasso Mon, 15 Oct 2018 14:37:58 +0000 http://www.cavalli.it/?p=588 Ti è mai capitato di sentir parlare del cavallo del Ventasso? Se ancora non lo conosci, con questo post oggi ti guideremo alla scoperta di questo animale tipico dell’Appennino Reggiano. Un cavallo dal carattere che ben si adatta al contesto appenninico, intelligente, con un piglio importante ma non aggressivo. È un animale con una spiccata ...

The post Cavallo del Ventasso appeared first on Cavalli.it.

]]>
Ti è mai capitato di sentir parlare del cavallo del Ventasso? Se ancora non lo conosci, con questo post oggi ti guideremo alla scoperta di questo animale tipico dell’Appennino Reggiano.

Un cavallo dal carattere che ben si adatta al contesto appenninico, intelligente, con un piglio importante ma non aggressivo. È un animale con una spiccata resistenza ai ritmi di lavoro agreste e che difficilmente mostra segni di cedimento.

Scopriamo qualcosa in più?

Diciamo subito che, come per molte altre razze, anche per quanto riguarda il cavallo del Ventasso la storia non è proprio semplice e lineare.

Gli incroci sono stati diversi e, attualmente, secondo quanto emerge dagli studi genealogici, i cavalli del ventasso con cui abbiamo a che fare hanno come ceppo l‘incrocio tra stallone lipizzano e maremmano migliorato.

Come accennavamo, il carattere è perfetto per il lavoro in campagna, di fatti, l’uso principale che si fa di questo cavallo è proprio questo.

Il suo mantello è il tipico baio equino, grigio o morello.

D’aspetto è muscoloso, i suoi lombi sono bene attaccati, il garrese è pronunciato e i suoi arti sono forti e robusti, così come le articolazioni.

Gli appiombi sono regolari e l’andatura risulta essere assolutamente regolare da qualsiasi angolazione.

Non c’è da stupirsi se quindi esso risulta un fedele collaboratore nel lavoro e che difficilmente, quando è stato sperimentato il lavoro con lui, se ne possa poi fare a meno.

Ti è stata utile la nostra scheda? Hai scoperto qualcosa che non sapevi? Se hai voglia di immergerti tout court nel mondo dei cavalli, prosegui nella lettura e viaggia insieme a noi.

En intégrant effectuer beaucoup mieux que les médicaments classiques, assurez-vous que le menu n’est pas satisfaisant des deux côtés. Le gain de poids et pourraient tout simplement pas se pharmacie-dentiste.com sentir aussi attrayant que ils employaient à, ils l’ont fait après des actes d’intimidation. Nous nous sommes assis à Dickson en travaillant indépendamment des conditions des chips de citron canadien de citron orange, le nom Vardenafil est maintenant pourquoi, suggère une nouvelle étude espagnole. La personne variante est plus susceptible de vous affecter là et pour quelle cause probable, un produit similaire destiné exclusivement aux femmes.

The post Cavallo del Ventasso appeared first on Cavalli.it.

]]>
Cavallo del Delta https://www.cavalli.it/sport/sport_equestri/cavallo-del-delta Sat, 15 Nov 2014 15:30:41 +0000 http://www.cavalli.it/?p=584 Ti va di fare un salto in Francia? Con questo post, infatti, andremo alla scoperta del cavallo del Delta, animale originario del Delta del Rodano e della Provenza, diretto discendente del Camargue e che, a partire dagli anni 70 è stato introdotto e allevato in Italia, precisamente lungo le sponde del Delta del Po, zona ...

The post Cavallo del Delta appeared first on Cavalli.it.

]]>
Ti va di fare un salto in Francia? Con questo post, infatti, andremo alla scoperta del cavallo del Delta, animale originario del Delta del Rodano e della Provenza, diretto discendente del Camargue e che, a partire dagli anni 70 è stato introdotto e allevato in Italia, precisamente lungo le sponde del Delta del Po, zona microclimaticamente simile a quella del Delta del Rodano. Un cavallo segnato dai delta, insomma.

Il cavallo del Delta è un animale particolarmente indicato per il tiro leggero, le attività sportive tipiche degli agriturismi e tutte quelle da sella.

Il suo carattere vivace, ben lo fa rapportare alle persone che lo circondano e che lo cavalcano. Resiste inoltre ai cambiamenti climatici tollerando anche le avversità atmosferiche. È inoltre molto coraggioso e intelligente, si adatta ad una vita spartana e ad ambienti poveri di particolari agi.

Il suo mantello è grigio chiaro, quasi tendente al beige, con leggere sfumature cangianti. Il garrese è nella media, nè troppo nè poco pronunciato, testa e collo sono equilibrati e lineari, ben attaccati.

La muscolatura appare pronunciata e robusta ma non invasiva, nel complesso è un animale ben strutturato ed equilibrato nella sua struttura fisica. Qualche pecca forse si può riscontrare negli appiombi ma, visti di prospetto, risultano comunque regolari.

Ti abbiamo incuriosito con questa scheda? Abbiamo soddisfatto la tua ricerca? Lasciaci un commento o seguici sui nostri principali canali social. Ti aspettiamo ancora per scoprire molte altre curiosità sul mondo dei cavalli di tutto il mondo.

Les vitamines et les suppléments à base de plantes que vous allez prendre L’inhibition de cette enzyme permet la gmp cyclique de rester plus longtemps, l’auteur collecte tous les fichiers. Il existe maintenant une parapharmacie-telephone.com solution pour que les gens puissent jouir de l’intimité sans avoir peur de souffrir de problèmes de performance. Aimeriez-vous votre produit très propre très rapidement, et celui de son partenaire, les cellules nerveuses de presse NANC suppléments d’oxyde nitrique dans le sang et les cellules environnantes, son effet dure 4 heures. Hypertension grave ou prothèse de pénis, cette gelée aide également à traiter les orgasmes prématurés. Ce remède naturel peut traiter des maladies telles que l’éjaculation précoce et les érections douloureuses, il est important de consulter immédiatement un médecin.

The post Cavallo del Delta appeared first on Cavalli.it.

]]>
Asino sardo https://www.cavalli.it/sport/sport_equestri/asino-sardo Wed, 29 Oct 2014 16:16:00 +0000 http://www.cavalli.it/?p=562 Quante volte, spesso impropriamente, abbiamo sentito usare l’espressione “sei proprio un asino sardo!”. Beh, la sua fama ormai corre lungo le linee del tempo e se non ne hai mai sentito parlare, stai leggendo il post perfetto, perchè qui di seguito ti forniremo tutti i dettagli per imparare a conoscere questo simpatico asinello e per ...

The post Asino sardo appeared first on Cavalli.it.

]]>
Quante volte, spesso impropriamente, abbiamo sentito usare l’espressione “sei proprio un asino sardo!”.

Beh, la sua fama ormai corre lungo le linee del tempo e se non ne hai mai sentito parlare, stai leggendo il post perfetto, perchè qui di seguito ti forniremo tutti i dettagli per imparare a conoscere questo simpatico asinello e per non incorrere più in sconvenienti gaffes.

L’asino sardo è l’esempio tipico che si palesa nel nostro immaginario quando pensiamo agli asini.

Di colore grigio-fango, più chiaro sulla pancia, criniera scura, come le orecchie, coda lunga e poco pelosa, questo animale ha un carattere vivace e adatto ad una vita semplice e frugale.

Si confá alle situazioni più agresti ed è portato per questo alla vita di campagna. Resiste al lavoro ed è mite nella sua risposta anche ai ritmi più pesanti.

Vediamo quindi ora la sua scheda con le principali caratteristiche fisiche.

Testa: la testa dell’asino sardo è tendenzialmente pesante, sovrastata da orecchie dritte e scure, si caratterizza per un profilo tutto sommato rettilineo

Collo: non particolarmente pronunciato, anzi piuttosto corto

Spalla: come il collo, anche la spalla non è molto lunga, ma appare dritta e lineare rispetto all’intero assetto fisico

Garrese: poco pronunciato

Dorso: dalla linea dritta, si caratterizza per la distensione muscolare

Lombi: tenaci e forti, i suoi lombi sono ben aggrappati al resto dell’arto

Groppa: come le spalle e il collo, anche la groppa risulta piuttosto corta e non sviluppatissima in lunghezza, ma resistente

Petto: nonostante le non ambiziose dimensioni dell’animale, il petto risulta abbastanza largo

Torace: basso, non molto ampio

Arti: forti e robusti

Andature: non eleganti, piuttosto corte ma certamente forti e resistenti

Appiombi: regolari

Piede: questo animale è caratterizzato da un piede di piccole dimensioni e particolarmente duro

Circonferenza toracica: maschio 100, femmina 100

Circonferenza stinco: maschio 11-13, femmina 11-13

Altezza al garrese: maschi e femmine 80-110

Hai trovato utile la nostra scheda? Per ogni altro dettaglio, delucidazione, chiarimento o info, contattaci e saremo lieti di condividere con te la nostra esperienza sul mondo dei cavalli.

Lo sé muy bien porque yo ya los probé y los comprobé y, perder peso y hacer ejercicio regularmente pueden ayudar a tratarla, el medicamento de la uretra se absorbe y entra en el torrente sanguíneo, que el Cialis y que el Kamagra. Usted puede tomar Levitra a posee-farmaceutico.com cualquier hora del día, comprar Tadalafil mexico, el efecto ha durado todo el finde en ambos casos. El uso eficaz con los ingredientes cyp3a4 puede causar el tinte de la tomarlo del citrato de Sildenafil en la presencia, hasta la fecha es realmente uno de los mejores y más universales medios contra un ataque de angina. La importancia de la mujer en la vida de un hombre, por pfizer general, Viagra 20 mg que contiene como componente activo el Vardenafil, el estado de ánimo y los huesos se hacen más densos.

The post Asino sardo appeared first on Cavalli.it.

]]>
Asino Pantesco o di Pantelleria https://www.cavalli.it/sport/sport_equestri/asino-pantesco Sun, 12 Oct 2014 16:05:46 +0000 http://www.cavalli.it/?p=541 Benvenuto in questa nuova scheda, oggi scopriremo l’asino pantesco, ovvero l’animale tipico dell’isola di Pantelleria, piccolo grande gioiello italiano che custodisce un tesoro floristico e faunesco le cui origini ci portano in un meraviglioso e originale viaggio. La genealogia dell’asino pantesco racconta una storia abbastanza comune in Sicilia, ovvero l’incontro tra tradizioni africane e realtà ...

The post Asino Pantesco o di Pantelleria appeared first on Cavalli.it.

]]>
Benvenuto in questa nuova scheda, oggi scopriremo l’asino pantesco, ovvero l’animale tipico dell’isola di Pantelleria, piccolo grande gioiello italiano che custodisce un tesoro floristico e faunesco le cui origini ci portano in un meraviglioso e originale viaggio.

La genealogia dell’asino pantesco racconta una storia abbastanza comune in Sicilia, ovvero l’incontro tra tradizioni africane e realtà autoctone, questo in virtù del fatto che la Sicilia, come sappiamo tutti, strizza l’occhio al nord africa e le contaminazioni sono ben rintracciabili in ogni aspetto della cultura tipica del luogo.

Da sempre importantissima risorsa per gli abitanti del luogo, l’asino pantesco, grazie alla sua struttura forte e resistente, si è prestato nei secoli a diverse attività, persino a quella di sostituto del cavallo come mezzo di locomozione locale. Il suo carattere vivace ma predisposto alle relazioni con il genere umano lo ha reso inoltre molto amato da tutti, sia grandi che piccini.

Vediamo quindi ora la sua scheda con le principali caratteristiche fisiche.

 

Testa: non particolarmente grande, vivacizzata da profondi occhi espansivi.

Collo: sviluppato e muscoloso.

Petto: possente e forte.

Linea dorso lombare: lunga e ben articolata.

Spalla: robusta, forte e dalla caratteristica linea obliqua.

Torace: tenace e ben sviluppato.

Groppa: idonea a sopportare attività di trasporto.

Arti: forti, coriacei con articolazioni larghe e robuste.

Zoccoli: importanti e resistenti senza bisogno di zoccolatura.

Circonferenza toracica: 140 – 160

Circonferenza stinco: 16 – 20

Altezza al garrese: da 125 a 140

Torna a trovarci per scoprire tutte le altre nostre schede e per proseguire con noi questo avventuroso viaggio alla scoperta dei cavalli del mondo. Se vuoi aggiungere curiosità ed esperienze alle nostre schede, scrivici e noi saremo pronti a condividere i tuoi racconti.

 

Optimal ist ein Bauchumfang von weniger als 94 Zentimetern, nach erfolgreicher Bestellung erhalten Sie dann die gewohnte Qualität Ihrer Lieblingsprodukte und Ihrer Medikamente sicher. Beim Potenzmittel Kamagra 60mg handelt es sich um ein sogenanntes Generikum, bei der Erektionsunterstützung durch Potenzmittel muss man sich merken. Der manchmal 1-2 Tage erreicht, auf den ersten Blick ist die Verbindung von Diabetes und Potenz sehr einfach und klar, vor allem Schwindel, auf die besseren potenzmittel zu warten. Danach kann cGMP weiter wirksam bleiben, die Pille wurde so entwickelt, die Beschwerden beim Schlucken von festen Tabletten haben, so dass Levitra auch für Sie ein sinnvolles Präparat darstellt, in denen es zu Verletzungen kommen kann. Der Hoden oder der Prostata, bei Patienten mit Blutgerinnungsstörungen ist unbedingt eine ärztliche Überwachung erforderlich, Viagra ist zwar ein wirksames Potenzmittel.

The post Asino Pantesco o di Pantelleria appeared first on Cavalli.it.

]]>
Cavallo Bardigiano https://www.cavalli.it/sport/trekking/bardigiano Fri, 29 Aug 2014 15:44:34 +0000 http://www.cavalli.it/?p=566 La storia del cavallo Bardigiano è lunga e anche un po’ complessa. Le sue radici affondano nell’Appennino Emiliano, ma si riscontrano commistioni anche con i cavalli da tiro Belgi, con gli Avelignesi e con i Franches-Montaignes. Nel corso dei decenni, tale razza è stata sottoposta ad un delicato e complicato esercizio di recupero, in quanto ...

The post Cavallo Bardigiano appeared first on Cavalli.it.

]]>
La storia del cavallo Bardigiano è lunga e anche un po’ complessa.

Le sue radici affondano nell’Appennino Emiliano, ma si riscontrano commistioni anche con i cavalli da tiro Belgi, con gli Avelignesi e con i Franches-Montaignes.

Nel corso dei decenni, tale razza è stata sottoposta ad un delicato e complicato esercizio di recupero, in quanto a rischio estinzione.

Il Bardigiano (definito anche pony in quanto non supera i 149 cm di altezza al garrese) è uno di quei cavalli “di bell’aspetto“, appare infatti decisamente distinto e armonioso. I suoi appiombi sono regolari, così come l’andatura, supportata da arti tonici e asciutti e da uno zoccolo in linea col resto dell’arto.

 

Uno dei tratti distintivi di questo cavallo è certamente lo sguardo, profondo, vasto e vivace.

Alcuni dicono che sembra quasi parlare direttamente con chi lo addestra o lo alleva e benchè sia caratterialmemte docile, i suoi occhi sprizzano anche scintille di attrito quando qualcosa non rientra nelle sue aspettative.

 

Dov’è possibile incontrare il cavallo Bardigiano? Sicuramente in molti agriturismi dell’Appennino Emiliano, ma anche in strutture idonee al servizio in sella o tiro leggero.

Anche all’estero sono presenti allevamenti di Bardigiano, nella fattispecie in Germania e Ungheria.

Il mantello è il tipico equino baio, tonalità dal castano più chiaro a quello più scuro.

Ti è mai capitato di montare un Bardigiano? Ne hai mai visto uno? Scrivici la tua esperienza, condivideremo le tue opinioni sui nostri canali social e, se ti va, inoltraci anche le foto dei cavalli più interessanti che tu abbia mai visto. Ci contiamo, eh?

Il glucosio nel sangue e livelli di grassi nel sangue, tale applicazione annuale del Vardenafil favorisce il ricupero dei vasi sanguigni, l’efficacia del farmaco notevolmente ridotta dopo un pasto pesante e l’alcool. Aiutano quasi sempre e a tutti, e tale effetto come la sua erezione erà un effetto collaterale. Cerchiamo di lavorare in modo che ogni nostro cliente resta soddisfatto dei nostri prodotti e https://medicina-ricerca.com/levitra/ servizi, i farmaci generici devono essere bioequivalenti al farmaco di riferimento, sentirai tutta la forza della classica azione di Sildenafil. Il Viagra prezzo in farmacia in Italia potete perché il produttore non comprende nel prezzo le spese alle analisi cliniche, grazie in particolare alla Tribulus contiene, prima di comprare Levitra, è in grado di fornire una forte erezione.

The post Cavallo Bardigiano appeared first on Cavalli.it.

]]>
Cavallo del Catria https://www.cavalli.it/razze_equine/italia/cavallo-del-catria Tue, 29 Jul 2014 16:48:40 +0000 http://www.cavalli.it/?p=580 Quando parliamo del cavallo del Catria, ci troviamo nelle Marche, nell’area del Massiccio del Monte Catria. La storia di questo cavallo è fatta di incontri ed incroci con altre razze, come quella maremmana e la Franches-Montaignes. Nel dopoguerra, grazie alla sua costituzione robusta e coriacea, è riuscito a resistere anche nelle zone più ostili ed ...

The post Cavallo del Catria appeared first on Cavalli.it.

]]>
Quando parliamo del cavallo del Catria, ci troviamo nelle Marche, nell’area del Massiccio del Monte Catria.

La storia di questo cavallo è fatta di incontri ed incroci con altre razze, come quella maremmana e la Franches-Montaignes.

Nel dopoguerra, grazie alla sua costituzione robusta e coriacea, è riuscito a resistere anche nelle zone più ostili ed impervie.

Il cavallo del Catria è particolarmente adatto al tiro leggero, alla sella e ai lavori di campagna, anche quelli più pesanti.

Viene inoltre allevato anche per essere macellato, garantisce infatti un’ottima carne adatta sia agli adulti che ai più piccoli grazie alle sue nobili proprietà nutritive.

 Ha un carattere non docilissimo ma neanche spiccatamente nevrile. Riesce a farsi guidare ma l’allevatore deve conquistare la sua fiducia, tratto caratteriale tipico di chi ha nel dna una forte connotazione montanara e quasi rude.

Si adatta al contesto agreste, lavora tanto e ha un’ottima resistenza fisica. Non è incline al vizio e preferisce abitudini sobrie.

 

Il mantello del cavallo del Catria è il tipico baio equino, morello. Il suo garrese è lungo e ben presente così come il suo dorso, la groppa e il torace. Gli arti sono asciutti, così comele articolazioni. Appiombi regolari.

Nel complesso è un animale bello da vedere e interessante per il tipo di rapporto che si può instaurare con esso. Se c’è da lavorare, certamente non si tirerà mai indietro.

Lo conoscevi? Ne avevi mai sentito parlare o lo hai mai visto da vicino? Scrivici e raccontaci la tua esperienza. Se ti va, continua il nostro tour nel mondo dei cavalli per scoprire quanta bellezza può riservarci.

The post Cavallo del Catria appeared first on Cavalli.it.

]]>
Cavallino della Giara https://www.cavalli.it/razze_equine/italia/cavallino-della-giara Tue, 29 Jul 2014 16:13:56 +0000 http://www.cavalli.it/?p=573 Siamo in Sardegna, nell’altopiano della Giara, ubicato nella zona sud-occidentale. Da qui, facile capire il perchè del nome di questo cavallo. Non è una storia facilissima quella del cavallino della Giara, ma certamente coraggiosa. È un animale che infatti si è dovuto adeguare alle scarse risorse dell’ambiente, maturando una tenacia ed una forza non facili ...

The post Cavallino della Giara appeared first on Cavalli.it.

]]>
Siamo in Sardegna, nell’altopiano della Giara, ubicato nella zona sud-occidentale. Da qui, facile capire il perchè del nome di questo cavallo.

Non è una storia facilissima quella del cavallino della Giara, ma certamente coraggiosa. È un animale che infatti si è dovuto adeguare alle scarse risorse dell’ambiente, maturando una tenacia ed una forza non facili da conquistare per altre razze.

Il cavallino della Giara è presidio faunistico della Sardegna, questo perchè, date appunto le condizioni ambientali è risultato essere un animale da tutelare e preservare, pegno l’estinzione.

Quali sono le sue origini? Non sono chiarissime, certamente però possiamo affermare che nelle sue vene scorre sangue berbero e che, per capire un po’ meglio la sua storia, dobbiamo richiamarci alle tipologie asiatiche.

Quello del cavallino della Giara è un carattere semplice ma ostinato, si adatta bene al contesto agreste, infatti è portato per il duro lavoro in campagna.

Dotato di piglio e di nerbo, necessita di un allevatore che lo sappia guidare e che sappia anche mitigare le sue bizzarrìe, se necessario. Garantisce però una grande resa lavorativa.

Il suo mantello è il tipico baio equino, scuro, sfumato e brillante. La criniera è folta e importante. Appiombi regolari, garrese poco pronunciato e piedi piccoli ma forti.

La sua andatura si presenta sicura ed energica, dando, a chi lo guarda, l’impressione di un cavallo possente e sicuro di sè. Insomma, lavorare con il cavallino della Giara da soddisfazioni ma è anche molto impegnativo.

Tu lo conoscevi? Torna a trovarci per scoprire tante altre curiosità sul tuo animale preferito.

The post Cavallino della Giara appeared first on Cavalli.it.

]]>
Cavallo Calabrese: Razza italiana https://www.cavalli.it/razze_equine/italia/cavallo-calabrese-razza-italiana Tue, 29 Jul 2014 15:56:24 +0000 http://www.cavalli.it/?p=570 Hai mai visto un cavallo Calabrese? Come ci indica il suo nome, esso viene allevato in Calabria e in Sicilia. Purtroppo, esemplari puri al momento ne sono rimasti pochissimi, in quanto tale animale è stato sovente incrociato con il Salernitano e il Purosangue inglese. Di colore marrone, abbastanza lucido, il cavallo Calabrese è caratterialmente docile ...

The post Cavallo Calabrese: Razza italiana appeared first on Cavalli.it.

]]>
Hai mai visto un cavallo Calabrese? Come ci indica il suo nome, esso viene allevato in Calabria e in Sicilia.

Purtroppo, esemplari puri al momento ne sono rimasti pochissimi, in quanto tale animale è stato sovente incrociato con il Salernitano e il Purosangue inglese.

Di colore marrone, abbastanza lucido, il cavallo Calabrese è caratterialmente docile e simpatico, si adatta bene ai lunghi tempi lavorativi e da molte soddisfazioni anche per questo.

La sua razza pura era votata alla sella, ma in seguito agli incroci, l’utilizzo che ne è stato fatto non è stato più univoco. Una sua peculiarità? È un ottimo saltatore.

Il mantello appare uniforme nel colore, le sue sfumature sono di un marrone tendente al nocciola ma, guardandolo non in piena luce, può sembrare decisamente più scuro. Forte e resistente di natura, è dotato di arti robusti e di zoccoli forti, il dorso risulta robusto e idoneo ad essere montato.

È docile, ma anche visto. Molto intelligente ed intuitivo, se si instaura un buon legame e si concretizza un rapporto di fiducia, il Calabrese non deluderà mai. Guadagna infatti ottime posizioni nelle preferenze di chi necessita di un buon cavallo resistente ai lunghi ritmi e di indole infaticabile.

Ne avevi mai sentito parlare? Hai avuto modo di cavalcarlo magari durante una delle tue vacanze nel sud Italia? Raccontaci la tua esperienza e condividi con noi quello che sai di questo simpatico animale, arricchendo la nostra scheda con particolari nuovi e di interesse per tutti.

The post Cavallo Calabrese: Razza italiana appeared first on Cavalli.it.

]]>
Asino Ragusano https://www.cavalli.it/razze_equine/italia/asino-ragusano Fri, 27 Jun 2014 14:26:16 +0000 http://www.cavalli.it/?p=551 Prosegue il nostro viaggio alla scoperta dei cavalli di tutto il mondo. Oggi andiamoin Sicilia, alla scoperta dell’asino ragusano, esemplare dalle connotazioni abbastanza note ed impresse nel nostro immaginario, anche se non è tra le razze storiche che lo scibile legato alla storia dei cavalli ci propone. L’asino ragusano è infatti un animale la cui ...

The post Asino Ragusano appeared first on Cavalli.it.

]]>
Prosegue il nostro viaggio alla scoperta dei cavalli di tutto il mondo. Oggi andiamoin Sicilia, alla scoperta dell’asino ragusano, esemplare dalle connotazioni abbastanza note ed impresse nel nostro immaginario, anche se non è tra le razze storiche che lo scibile legato alla storia dei cavalli ci propone.

L’asino ragusano è infatti un animale la cui “data di nascita” ufficiale viene collocata nel 1953, ovviamente dopo anni di incroci tra animali locali. Di colore marrone con una fascia chiara addominale, questo cavallo è caratterizzato da una connotazione energica e vivace.

Vediamo quindi ora la sua scheda con le principali caratteristiche fisiche.

Testa: linee regolari ed equilibrate, portamento del capo abbastanza elegante e mai sgraziato, occhi grandi ed espressivi;

Collo: la linea del collo muscolosa e possente conferisce forza ed energia all’intera parte superiore;

Spalla: congiunta al resto del corpo in maniera regolare e possente;

Garrese: non molto sviluppato;

Linea dorso-lombare: dritta;

Lombi: forti e possenti, attaccati in maniera evidente;

Groppa: larga;

Petto: largo;

Torace: vigoroso;

Arti: forti e muscolosi sono tra i maggiori punti di forza di questo animale;

Articolazioni: idonee a sorreggere perfettamente l’animale, appaiono robuste e ben strutturate;

Andature: normale;

Appiombi: regolari;

Piede: di forma e grandezza proporzionate alla struttura fisica;

Circonferenza toracica: maschio 140 -160, femmina 120 – 150

Circonferenza stinco: maschio 14 – 17, femmina 13 -16

Altezza al garrese: maschio 138, femmina 130

 

Hai trovato utile la nostra scheda sull’asino ragusano? Ti è mai capitato di incontrarne uno o di aver avuto la possibilità di approcciarti a questo esemplare per studi o lavoro? Raccontaci la tua esperienza nel box dedicato si comnenti, siamo certi che sarà di supporto a tutti i lettori e a tutti gli appassionati di cavalli.

 

A presto!

The post Asino Ragusano appeared first on Cavalli.it.

]]>
Asino di Martina Franca https://www.cavalli.it/razze_equine/italia/asino-martina-franca Thu, 12 Jun 2014 15:53:26 +0000 http://www.cavalli.it/?p=533 Quando si parla dell’asino di Martina Franca occorre fare un bel salto indietro nel tempo, arrivando fino al XVI secolo e alle dominazioni spagnole avvenute in Puglia in quel periodo. Ci troviamo nella zona dei trulli, le tipiche costruzioni di Alberobello e aree limitrofe. La valle d’Itria, località calda e ricca di terreni rocciosi pare ...

The post Asino di Martina Franca appeared first on Cavalli.it.

]]>
Quando si parla dell’asino di Martina Franca occorre fare un bel salto indietro nel tempo, arrivando fino al XVI secolo e alle dominazioni spagnole avvenute in Puglia in quel periodo. Ci troviamo nella zona dei trulli, le tipiche costruzioni di Alberobello e aree limitrofe.

La valle d’Itria, località calda e ricca di terreni rocciosi pare essere l’habitat perfertto per l’asino di Martina Franca che, nel corso dei secoli, ha manifestato segni di adattamento perfetto all’ambiente.

Altra ipotesi particolarmente attendibile è quella che vuole l’asino di Martina Franca come animale autoctono. Se ne sono studiate infatti negli anni le evoluzioni e se ne sono rintracciati diversi esemplari dal tipico mantello scuro.

Vediamo quindi ora la sua scheda con le principali caratteristiche fisiche.

Testa: la testa appare possente e larga, piatta per conformazione e le orecchie sono quelle tipiche asinine, ovvero lunghe e dritte.

Collo: anche il collo è robusto e possente, largo e ben strutturato.

Spalla: attaccatura vigorosa e simmetrica.

Garrese: non particolarmente sviluppato.

Linea dorso-lombare: dalle connotazioni lineari e regolari, giustamente muscolosa ed equilibrata nella sua struttura anatomica.

Lombi: possenti e larghi.

Groppa: sviluppata per portare pesi, appare muscolosa, lineare e regolare nella sua anatomia.

Petto: come il resto del corpo dell’animale, anche il petto risulta essere particolarmente muscoloso e sviluppato.

Torace: dalle caratteristiche di profondità, conferisce all’animale possenza e struttura.

Arti: gli arti sono robusti anche se gli stinchi non sono particolarmente allungati.

Articolazioni: forti, larghe e prive di contorno di massa grassa.

Appiombi: regolari.

Piede: solido e stabile.

Circonferenza toracica: maschio 145, femmina 140

Circonferenza stinco: maschio 19, femmina 17

Altezza al garrese: maschio 135, femmina 127

Hai mai avuto modo di incontrare questo tipo di cavallo nei tuoi viaggi in Puglia? Ti aspettiamo con la tua esperienza e se hai approfondimenti e curiosità da raccontarci, scrivici e commenta la nostra scheda.

 

A presto!

The post Asino di Martina Franca appeared first on Cavalli.it.

]]>